PANE CON FARINA D’ORZO

Questo pane con farina d’orzo è preparato con lievito madre in coltura liquida (li.co.li.) e ha una particolare nota rustica che lo rende irresistibile! Un filone non eccessivamente idratato (solo al 68%) e quindi gestibile anche da chi è alle prime armi con la panificazione, nonché ideale da preparare in giornata con farine di media forza. La sua crosta è ben croccante e la mollica asciutta e ariosa nonostante la presenza della farina d’orzo. Per la cottura ho scelto come sempre la pentola in ghisa (ma andrà benissimo anche quella in vetro/pyrex!), che trattiene l’umidità rallentando la formazione della crosta e, di conseguenza, permettendo al pane di “sbocciare” in tutta la sua maestosità.

Se non avete la pasta madre (solida o liquida che sia), non temete! Basterà preparare un poolish con acqua, farina e poco lievito di birra e sfornerete anche voi il vostro pane con farina d’orzo fragrante e super profumato…

Qui, invece, trovate altre ricette di pane fatto in casa!

Filone con farina d'orzo


Filone con farina d'orzo

Pane con farina d'orzo

Filone a lievitazione naturale con farina d'orzo.
Tempo totale 1 d
Portata Lievitati
Porzioni 1 filone

Ingredienti
  

  • 350 g farina tipo 0 W 260/280
  • 100 g farina d'orzo macinata a pietra
  • 306 g d'acqua a t.a.
  • 70 g licoli rinfrescato e raddoppiato (clicca qui per il poolish con lievito di birra)
  • 10 g sale

Istruzioni
 

  • Al mattino presto rinfrescate il vostro licoli e attendete il suo raddoppio a circa 26/28°, in quattro orette dovrebbe essere pronto. In inverno sono solita rinfrescarlo anche la sera prima e lasciarlo a t.a. fino al mattino a circa 18/20°.
  • Una volta raddoppiato, unite nella ciotola della planetaria tutti gli ingredienti ed iniziate ad impastare con la foglia a velocità bassa fin quando l'impasto non si staccherà dalle pareti e dal fondo della ciotola rimanendo avviluppato attorno alla foglia. Ciò non tarderà ad avvernire, ma proseguite fin quando non si formerà la maglia glutinica (l'impasto, tirandolo, non si deve spezzare/stracciare ma risultare elastico).
  • Montate il gancio e chiudete l'incordatura (aumentando di poco la velocità). Fate la prova velo per essere certi che sia stata raggiunta.
  • Ribaltate l'impasto sul piano di lavoro e fatelo puntare scoperto per 20 minuti circa. Successivamente procedete con 3 giri di pieghe slap&fold, uno ogni 20 minuti coprendo a campana al termine e mettendo al caldo (26/28°) tra uno e l'altro.
  • Al termine del terzo giro di pieghe, riponete l'impasto in un contenitore quadrato o caraffa graduata leggermente oleati, coprite e mettete a lievitare al caldo (26/28°) fino a quando non raggiunge circa l'80% del suo volume.
  • Una volta pronto, spolverizzate il piano con pochissima semola e ribaltateci delicatamente l'impasto lievitato. Allargatelo un po' con i polpastrelli per creare un rettangolo, ma senza sgonfiarlo, e realizzate una semplice piega a 3 (preforma). Coprite a campana e attendete 20 minuti.
  • Ora formate il filone con la tecnica che preferite e riponetelo con chiusura rivolta verso l'alto nel cestino di lievitazione ben spolverizzato di semola. Avvolgete il cestino in un panno pulito, poi lasciatelo un'oretta a temperatura ambiente e infine mettetelo in frigo sul ripiano più alto per la seconda lievitazione (monitorate a vista il raddoppio controllando di tanto in tanto: i tempi potrebbero variare in base ad una miriade di fattori quali temperatura, effettiva forza delle farine usate, stato di salute del lievito, ecc.).
  • Una volta raddoppiato, procedete con la cottura frigo-forno. Ribaltate il filone dal cestino su una pala spolverizzata di semola e intagliatelo, poi fatelo scivolare nella pentola in ghisa rovente (mettetela nel forno quando lo accendete e aspettate che quest'ultimo arrivi in temperatura), coprite con il coperchio e infornate.
  • Cottura: 20 minuti con coperchio in forno statico a 230°, poi ulteriori 20 minuti in forno statico a 200° ma senza coperchio e infine 15 minuti a 180° in forno ventilato.
  • Una volta cotto, sfornate e spostate il pane dalla pentola su una gratella. Fatelo raffreddare prima di tagliarlo.

Note

  • In alternativa alla pentola in ghisa, potete usarne una in pyrex o cuocere con padellino d'acqua sulla base del forno per i primi minuti (leggete qui le indicazioni complete).
Keyword farina d'orzo, filone, licoli, lievitati, lievitazione naturale, lievito madre, orzo, pane, pasta madre

Pane con farina d'orzo


Se provate una mia ricetta e pubblicate una foto su Instagram, ricordate di taggarmi (@saraguida5) o di usare l’hashtag #perAmore_ciboinviaggio.
Sarò felicissima di condividere quello che avrete preparato!

Sara

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating





Cosa stai cercando?