SCIROPPO DI SAMBUCO

Lo sciroppo di sambuco è uno sciroppo fresco e dissetante che si prepara in casa grazie ai profumatissimi fiori di sambuco reperibili in natura tra maggio e giugno. Sempre con i suoi fiori si possono preparare un aceto aromatizzato, delle frittelle o delle deliziose confetture…

La pianta del sambuco è ricca di benefici e conosciuta da sempre per le sue proprietà terapeutiche. Viene considerata infatti un antinfluenzale naturale, oltre che un ottimo diuretico, antiossidante, digestivo, antinfiammatorio e antireumatico.

Lo sciroppo di sambuco, oltre che per aromatizzare dolci e gelati, è perfetto per combattere la calura estiva semplicemente diluito in acqua fredda con aggiunta di qualche cubetto di ghiaccio. Ha un gusto leggermente dolce ed è l’ideale per un aperitivo casalingo se abbinato al prosecco: avete mai sentito parlare del famoso cocktail Hugo? Basterà mixare una parte di sciroppo di sambuco con due parti di prosecco e due di selz (non dimenticate qualche fogliolina di menta!) per servire un long drink leggero e super aromatico!

A questo punto non resta che mettersi all’opera: preparare lo sciroppo è davvero semplicissimo e veloce. Basta seguire pochi accorgimenti per un risultato infallibile a prova di dispensa!

Sciroppo di sambuco


Sciroppo di sambuco

Sciroppo di sambuco

Sciroppo di fiori di sambuco fatto in casa per cocktail e bibite analcoliche rinfrescanti
Tempo totale 3 d
Portata Sciroppi
Porzioni 4 vasetti

Ingredienti
  

  • 20 ombrelli fiori di sambuco
  • 4 limoni bio
  • 1 litro acqua
  • 600 g zucchero semolato
  • 1 cucchiaino aceto di mele

Istruzioni
 

  • Raccogliete i fiori di sambuco appena sbocciati ed adoperateli freschissimi. Staccateli delicatamente dalla corolla e dai rametti (in particolare da quelli meno teneri), sciacquateli brevemente sotto acqua corrente fredda e sistemateli a strati in un recipiente capiente alternandoli a fettine di limoni bio precedentemente lavati e spazzolati.
  • Richiudete il contenitore o copritelo con una garza e riponete in un luogo fresco e asciutto per due/tre giorni.
  • Trascorso il tempo di macerazione, filtrate il liquido con un colino a maglie strette o attraverso una garza/un panno puliti affinché non restino residui di fiori e limone. Versatelo in una pentola e aggiungete sia lo zucchero che l'aceto. Portate ad ebollizione, poi abbassate la fiamma al minimo e cuocete per altri 10 minuti.
  • Imbottigliate il vostro sciroppo bollente in contenitori/vasetti ben sterilizzati (io li metto in forno già caldo a 100° per 5 minuti, poi spengo il forno e inserisco anche i tappi, richiudo e attendo che il tutto si raffreddi). Nel caso di conservazione sottovuoto tipo marmellata, una volta imbottigliato lo sciroppo bollente capovolgete il vasetto e attendete il raffreddamento. In seguito il tappo dovrà presentarsi leggermente concavo (se fa clic clac il processo non è andato a buon fine ed occorre ripeterlo con un tappo nuovo). In questo modo lo sciroppo si conserva in dispensa per 6 mesi circa. In alternativa potete imbottigliarlo normalmente e riporlo in frigo, ma andrà consumato entro due settimane.

Note

  • Non adoperare fiori ancora in bocciolo: potrebbero risultare tossici.
  • Non confondere il sambuco con l'ebbio, o sambuchella. Le infiorescenze dell'ebbio si distinguono infatti da quelle del sambuco in quanto i fiorellini sono un po' più grandi e gli stami violetti invece che gialli. Vi consiglio di leggere questo articolo per maggiori informazioni.
Keyword aperitivo, bevande, cocktail, fiori di sambuco, hugo, sambuco, sciroppo, sciroppo di sambuco

Se provate una mia ricetta e pubblicate una foto su Instagram, ricordate di taggarmi (@saraguida5) o di usare l’hashtag #perAmore_ciboinviaggio.
Sarò felicissima di condividere quello che avrete preparato!

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cosa stai cercando?