CANEDERLI CON CAVOLO NERO, SPECK E FONTINA

I canederli con cavolo nero sono una rivisitazione di un grande classico della cucina tirolese: i knödel, ovvero dei grossi gnocchi a base di pane raffermo cotti nel brodo o in acqua salata e poi eventualmente serviti “asciutti” dopo esser stati ripassati nel burro fuso. I knödel sono un ottimo piatto del riciclo, perfetto per non sprecare il pane ormai duro, che viene difatti ammorbidito con il latte e poi insaporito con l’aggiunta di uova, formaggio, erba cipollina e speck (o pancetta).

La mia versione in brodo vegetale dei canederli con cavolo nero toscano prevede l’aggiunta delle noci pecan e della fontina, per un primo piatto incredibilmente saporito, sostanzioso e filante, perfetto nelle fredde giornate invernali. Mi piace riproporlo di tanto in tanto per la sua facilità di realizzazione e perché si presta ad essere personalizzato con qualsiasi verdura di stagione o con ciò che avanza in frigo.

Mi raccomando: i canederli alla tirolese sono un piatto rustico della tradizione contadina, dove gli ingredienti si amalgamano a mano in maniera grossolana tanto da poterli riconoscere subito sia all’assaggio che alla vista. Non abbiate quindi paura di servire degli gnocchi imperfetti: è proprio così che dovranno essere!

Canederli di cavolo nero

Qui trovate altre idee per primi sfiziosi e facili.


Canederli in brodo con cavolo nero e speck

Canederli con cavolo nero, speck e fontina

Knödel in brodo tipici della tradizione tirolese, ovvero grandi gnocchi di pane raffermo arricchiti da cavolo nero, speck e fontina.
Tempo totale 1 h
Portata Primi piatti
Porzioni 16 canederli

Ingredienti
  

  • q.b. brodo vegetale
  • 150 g pane raffermo
  • 100 g latte
  • 150 g cavolo nero (solo foglie)
  • 70 g speck a dadini
  • 2 uova
  • 30 g parmigiano grattugiato
  • 20 g noci pecan
  • 130 g fontina a cubetti
  • 5/6 fili erba cipollina
  • 1 cucchiaio farina
  • q.b. sale
  • q.b. pepe nero
  • q.b. noce moscata
  • q.b. olio evo

Istruzioni
 

  • Tagliate il pane raffermo a tocchetti, mettetelo in una ciotola capiente e irroratelo con il latte. Lasciatelo riposare ed ammorbidire per 30 minuti circa.
  • Nel frattempo, fate rosolare in padella lo speck a cubetti con un filo d'olio evo, aggiungete le foglie di cavolo nero lavate e spezzettate e poca acqua. Salate, pepate e continuate la cottura a fuoco medio fino a farle appassire. Mettete da parte.
  • Unite ora al pane due uova sbattute, il parmigiano, la fontina, l'erba cipollina tagliuzzata, le noci spezzettate, il cavolo nero con lo speck ormai tiepidi, il pepe e la noce moscata macinati. Impastate il tutto con le mani per amalgamare gli ingredienti, poi unite la farina e impastate ancora per incorporarla.
  • Inumidite le mani e formate i canederli (16 ca.). Cuoceteli nel brodo bollente fin quando non affiorano in superficie. Guarnite a piacere con germogli misti e servite subito.

Note

  • Potete sostituire lo speck con della pancetta a dadini e la fontina con l'asiago.
  • Se preferite i canederli asciutti, bolliteli come nel brodo ma in abbondante acqua salata, poi scolateli e ripassateli in padella con burro fuso.
Keyword brodo, brodo vegetale, canederli, cavolo nero, fontina, gnocchi, knödel, noci pecan, pane, pane raffermo, primi piatti, riciclo, speck, tirolo, zero waste

Canederli in brodo con cavolo nero e speck


Se provate una mia ricetta e pubblicate una foto su Instagram, ricordate di taggarmi (@saraguida5) o di usare l’hashtag #perAmore_ciboinviaggio.
Sarò felicissima di condividere quello che avrete preparato!

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating





Cosa stai cercando?