CROSTATA AL LIMONE

La crostata al limone è un dolce senza tempo che tutti abbiamo assaggiato almeno una volta nella vita, semplice, profumato e genuino! Non so come mai non fosse ancora qui sul blog nella sezione dedicata alle crostate, ma credo sia una di quelle ricette base da avere sempre sotto mano e da rispolverare quando si vuole andare a colpo sicuro con un dolce buonissimo che sa di casa!

Un guscio di friabile pasta sablè aromatizzata con scorza di limone, la mia classica frolla burrosa che preparo da anni, e un morbido ripieno di crema pasticciera al limone e vaniglia, con tanto succo spremuto fresco. Per un risutato ottimale bastano poche accortezze: ingredienti biologici e di prima scelta, un adeguato riposo in frigo della frolla e l’aggiunta della crema da fredda per non compromettere la struttura e la tenuta dell’involucro.

Che dite, siete pronti a sfornare una crostata al limone da leccarsi i baffi? Fiocco ai grembiuli!

Crostata di limoni


Crostata al limone

Crostata al limone

Crostata di frolla sablè al burro aromatizzata con scorza di limone, ripiena di crema pasticciera al limone e vaniglia.
Tempo totale 4 h
Portata Crostate
Porzioni 1 stampo rettangolare 35 x 11 cm

Ingredienti
  

Per la frolla

  • 270 g farina 00
  • 125 g burro freddo
  • 125 g zucchero al velo vanigliato
  • 1 limone scorza
  • 1 uovo
  • 1 pizzico sale fino
  • 1 pizzico lievito per dolci

Per la crema al limone

  • 400 g latte fresco intero
  • 1 baccello vaniglia
  • 1 limone scorza (metà pelata intera e metà grattugiata)
  • 2 limoni piccoli succo
  • 90 g zucchero semolato
  • 40 g amido di mais
  • 2 uova a t.a.

Istruzioni
 

  • Per la frolla unite in un mixer (altrimenti fatelo a mano: ci vorrà solo un po’ più di tempo per sbriciolare il tutto) la farina con il burro a pezzetti e azionatelo fino ad ottenere un composto sabbioso. Aggiungete poi anche lo zucchero, il sale e la scorza di limone e mixate ancora per distribuirli.
  • A questo punto, versate tutto in una ciotola capiente e aprite l’uovo. Iniziate ad impastare e, quando il panetto inizierà a prendere forma, spostatevi su una spianatoia e completate il lavoro fino a renderlo liscio ed omogeneo. Appiattitelo leggermente, avvolgetelo in pellicola trasparente e mettetelo a riposare in frigo (almeno per due orette, anche se io di solito lo faccio la sera prima).
  • Nel frattempo preparate la crema: mettete il latte assieme alla vaniglia (semi e baccello) e alla scorza di limone sul fuoco medio e portate a sfiorare il bollore. Nel mentre, mettete in una ciotola lo zucchero, la maizena, il succo di limone e le uova. Sbattete bene con le fruste elettriche per amalgamare il tutto e quando il latte sarà pronto, filtratelo (per rimuovere baccello e scorza pelata intera) e aggiungetelo al composto. Mescolate bene e poi riportate su fuoco medio mescolando costantemente con una frusta a mano fino a quando non si addensa. Una volta pronta, trasferite la crema in una ciotola di vetro/acciaio tenuta in freezer per una mezz'ora e mescolate velocemente con una frusta a mano per farla intiepidire. In questo modo resterà lucida e senza grumi. Spolverizzate la superficie con poco zucchero semolato (per impedire la formazione della crosta) e mettete da parte.
  • Passato il tempo di riposo, prendete la frolla dal frigo e se è troppo dura lasciatela ammorbidire qualche minuto a temperatura ambiente. Stendetene metà dello spessore desiderato su un foglio di carta forno leggermente infarinato e poi capovolgetela su uno stampo da crostata (preferibilmente con fondo amovibile). Fatela aderire bene ai bordi facendo attenzione a non romperla, poi bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta. Mettete in frigo. Stendete la restante frolla, ricavate le losanghe della crostata e mettete in frigo anche queste ben distese su una teglia coperta con carta forno.
  • Quando la crema è ben fredda, stemperatela velocemente con la frusta a mano affinché risulti cremosa e uniforme e versatela nello stampo foderato di frolla. Sistemate poi le losanghe per ricreare la classica griglia, sigillandole bene sui bordi. Riponete ancora una volta in frigo per una ventina di minuti.
  • Spennellate le losanghe e i bordi della crostata con del tuorlo d'uovo, spolverizzate con poco zucchero semolato e infornate in forno statico già caldo a 170° nel ripiano più basso per 60 minuti circa. Coprite la crostata dopo 35/40 minuti circa per evitare che bruci in superficie.
    I tempi di cottura potrebbero variare in base alla potenza del forno e alla grandezza/lunghezza dello stampo, per cui vi consiglio di monitorarla costantemente.
  • Sfornate, lasciate raffreddare completamente e poi sformate delicatamente.

Note

  • Per una crema color giallo intenso, usate uova con tuorlo a pasta gialla (quelle per la pasta all'uovo).
  • Questa crostata può essere preparata anche in uno stampo tondo di 24-28 cm di diametro.
  • Il dolce si mantiene friabile a temperatura ambiente per un giorno circa. Successivamente, si consiglia di riporlo in frigo in un contenitore ermetico (per la corretta conservazione della crema pasticciera) sebbene con l'umidità la frolla tenderà ad ammorbidirsi.
Keyword crema, crema al limone, crema pasticciera, crostata, frolla, limone, pasta frolla, sablè, spremuta, vaniglia

Crostata al limone


Se provate una mia ricetta e pubblicate una foto su Instagram, ricordate di taggarmi (@saraguida5) o di usare l’hashtag #perAmore_ciboinviaggio.
Sarò felicissima di condividere quello che avrete preparato!

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating





Cosa stai cercando?